Articoli

Natale è speciale per tutti, nessuno escluso.

da mercatinatale.it

Un pensiero ai minori allontanati dalle famiglie

Il Natale è speciale per tutti, nessuno escluso. E’ una festa familiare, di unità, il momento in cui ci si stringe agli affetti più cari. Si condivide la magia che si respira nell’aria. Il calore di una casa illuminata e di un albero addobbato, l’abbraccio di chi ci vuole bene. Natale è certamente la festività più sentita dalla maggior parte degli Italiani. Anche di coloro che sono in difficoltà, non dimentichiamoci di loro. L’anno si sta per concludere e la neve dona un tocco fiabesco al paesaggio. I bambini sentono l’agitazione salire lentamente, mentre attendono l’arrivo di San NicolòSanta Lucia o Babbo Natale. L’atmosfera natalizia è già qui.

Dicembre è un mese più carico di emozioni, in cui si fanno bilanci. E’ un periodo in cui è più facile fermarsi a riflettere, e il pensiero va a chi, per qualche ragione, una famiglianon ce l’ha. O potrebbe averla, ma per qualche motivo ne è lontano. È il caso dei minori allontanati dalle proprie famiglie. Sono ospitati in istituti, in case-famiglia o in altri nuclei familiari che li accolgono e si sono fatti carico di questa responsabilità. Per loro il Natale ha un sapore diverso.

La dura separazione

Sia i bambini che i genitori si trovano costretti dalle istituzioni, a trascorrere le festività separati. Provate ad immaginare di dover vivere separati un momento così sentito. Quando la mancanza e la lontananza dalle persone più care, è percepito in modo particolare. Per i genitori è uno strazio, per i bambini un trauma dal quale potrebbero restare segnati. Si corre il rischio che possano intervenire danni a livello psicologico.

E’ la prima volta che scrivo su questo argomento. Il mio appello, da amministratore di sostegno e tutore legale minorile, è quello di invitarvi a spendere un minuto, pensando a queste famiglie . Impegnatevi in questo semplice atto, la sera della Vigilia o il giorno di Natale. Mentre scartate i regali, bevete un sorso di spumante o vi godete il sorriso dei nostri figli, pensate a coloro che non possono farlo. A chi sta passando quel momento, così intriso d’amore e di calore, lontano dalle persone che ama.

Auguri perché avvenga il miracolo

Mi auguro che chi di dovere, sappia colmare questo vuoto almeno in parte. Spero che almeno i bambini, possano passare un momento di gioia, e che i genitori possano avere la forza di andare avanti. Spero che il Santo Natale, almeno per qualcuno, possa compiere quel miracolo che tutti aspettiamo. Che il nostro pensiero arrivi dunque a queste famiglie, e possa alleviare, anche per un solo secondo, il loro dolore. Perché il Natale è speciale per tutti: nessuno escluso.

Gian Piero Robbi

grazie a tutti !

Buongiorno a tutti,

la soddisfazione per la vittoria di Maurizio Fugatti non nasconde la mia delusione per il numero di voti presi. Queste elezioni dal mio punto di vista personale non sono andate bene e ad oggi ritengo necessario prendermi qualche giorno per riflettere bene sul mio futuro politico, i voti parlano chiaro, gli elettori hanno scelto.

Ho bisogno di analizzare a mente fredda quali possono essere state le cause di questo mancato consenso. Niente drammi, niente piagnistei, niente catastrofismi. Mi prenderò qualche giorno per capire dove ho sbagliato io (e sicuramente qualche errore lo avrò fatto) e per capire quale può essere adesso il mio ruolo all’interno di Agire.

Sono accadute tante cose in quest’ultimo mese e non ho ancora avuto il tempo per rifletterci sopra con la dovuta calma. Ad ogni modo, ringrazio tutti quelli che mi hanno votato e tutti coloro che mi hanno ascoltato, non dimenticherò mai il vostro entusiasmo di questi mesi. Di una cosa sono certo, le battaglie continueranno.

Gian Piero Robbi

Buon Voto a TUTTI !!!

Sono passati quasi tre mesi da quando mi sono (ci siamo) messo/i in gioco per questa estenuante campagna elettorale. Finalmente il gran giorno è arrivato. Domani, 21 ottobre, è il gran giorno del cambiamento. Abbiamo finalmente la possibilità di dare aria fresca alla politica provinciale.

La politica per la persona, la politica per le famiglie, sta per insediarsi in Piazza Dante.  Comunque andrà, sappiate che ci sarò sempre, come ho sempre fatto negli ultimi anni.

Comunque andrà, le battaglie per i più deboli, saranno sempre in cima alle mie priorità. Farò in modo che chiunque andrà in consiglio, trasmetta le nostre battaglie a chi ci governerà.

Vi ringrazio e vi stringo la mano virtualmente perché senza il vostro supporto non avrei modo di esistere, di lavorare, di portare avanti le vostre richieste ma permettetemi di ringraziare anche tutte le persone che si sono messe a disposizione per aiutarmi in questa campagna elettorale, non posso nominarli tutti perché sono veramente tanti. GRAZIE !

Gian Piero

“per aspera ad astra”

A cosa serve il Cinformi? Robbi (Agire): «Così com’è non serve a niente, è solo un baraccone.»

Sulla stampa di ieri, sabato 6 ottobre 2018, è apparsa una lettera di una candidata di Futura 2018 alle prossime provinciali. Lettera nella quale viene evidenziata la “carenza di obiettività e scarsa lungimiranza” da parte di determinate formazioni politiche che hanno espresso la volontà di eliminare il Cinformi.

Ora, verrebbe da chiedere alla candidata di Futura 2018: a cosa serve il Cinformi? Cosa ha dimostrato di poter offrire, in termini di accoglienza e di garanzia di dignità, a chi arriva nella nostra Provincia e a chi nella nostra Provincia ci è nato, vissuto e magari anche invecchiato?

È risaputo e conosciuto a tutti il pensiero del centrosinistra riguardo all’accoglienza. Un pensiero che sostiene l’immigrazione totale, a qualsiasi costo, indistinta e indiscriminata.
Non è dello stesso avviso Gian Piero Robbi, candidato di Agire per il Trentino alle prossime provinciali. “Io sono per un’immigrazione controllata, attenta, che tenga conto dell’equità – spiega Robbi –. Tutti devono avere gli stessi diritti, non ci deve essere chi ne ha di più e chi ne ha di meno”.

Quei meno, tra l’altro, riguardano spesso gente trentina. “Purtroppo si tratta quasi sempre di cittadini del nostro Trentino – prosegue il candidato di Agire –. Ci sono anche delle eccezioni, naturalmente. Esistono cittadini extracomunitari che dormono per strada e vivono condizioni inumane”.

Anche per quanto riguarda il Cinformi, l’idea di Robbi è piuttosto chiara. “Il Cinformi è un baraccone – sostiene – conosco bene questa realtà. Così com’è strutturato non serve veramente a nulla, ingrassa e, favorisce… Senza tener conto di quali siano le reali necessità di chi viene dall’estero”.

Tenendo sempre presente il fatto che in Trentino, in realtà, i “profughi” non esistono. “Chi all’estero c’è stato e ci ha lavorato per anni può confermarlo – sottolinea Robbi–. Vengono in Italia soltanto i migranti economici, i profughi sono un piccolissima percentuale e sicuramente non stanno in Trentino. Li troviamo altrove”.

L’idea di Gian Piero Robbi è dunque quella di ripensare completamente l’organizzazione del Cinformi, perché “così strutturato non serve a niente”. Prendendo a modello una realtà che sia garante di parità dei diritti, di uguaglianza, di dignità.

Attualmente il Cinformi crea disuguaglianze, crea discordia e disordine sociale, la cosiddetta ‘guerra tra poveri’ – conclude Robbi –. Quindi va chiuso e ripensato come struttura che tenga conto delle necessità di tutti. Di tutti, appunto, nessuno escluso”.

Continua il digiuno contro l’esclusione dei bambini non vaccinati dalle scuole trentine.

Elisa, Laura, Alessandra. Ma anche Stefano, Alfredo, Luca. Sono soltanto alcuni nomi di coloro che stanno portando avanti il digiuno a staffetta dell’Associazione Vaccinare Informati contro la “gravissima discriminazione dei bambini non vaccinati o parzialmente vaccinati esclusi dai percorsi educativi degli asili nido e scuole dell’infanzia trentine”. Continua a leggere

Primo volo con R22 di Italfly